Google

Fotografia: ecco il primo fotomontaggio della storia

Data:19 novembre 2012
Commenti
Scrivi

Quante volte vi sarà capitato di vedere una foto e di chiedervi se è reale o se vi è stato realizzato un fotomontaggio? Al giorno d'oggi sono disponibili svariati programmi utili per il fotoritocco, come Lightroom e Photoshop, ma forse non tutti voi sanno che il primo fake della storia della fotografia risale a metà Ottocento e, più precisamente al 1840.

Il fotomontaggio, infatti, è nato di pari passo con la nascita della fotografia. Il tutto ebbe inizio nel 1839, quando Hippolyte Bayard scoprì la tecnica di stampa positiva diretta delle immagini che gli permise nello stesso anno di tenere la sua prima mostra fotografica con i propri lavori.

Bayard, però, si fece persuadere da Francois Argo e decise di presentare al mondo la propria scoperta solamente l'anno successivo; questa mossa, però, favorì il procedimento di Louis Daguerre, che in seguito fu famoso come dagherrotipia, mettendo Bayard in un angolo.

Fu così che il fotografo deciso di realizzare questo scatto che lo ritraeva, chiamandolo "Autoscatto come un annegato", a cui applicò un foglietto con scritto:

"Questo che vedete è il cadavere di M. Bayard, inventore del procedimento che avete appena conosciuto. Per quel che so, questo infaticabile ricercatore è stato occupato per circa tre anni con la sua scoperta. Il governo, che è stato anche troppo per il signor Daguerre, ha detto di non poter far nulla per il signor Bayard, che si è gettato in acqua per la disperazione.

Oh! umana incostanza…! È stato all'obitorio per diversi giorni, e nessuno è venuto a riconoscerlo o a reclamarlo. Signore e signori, passate avanti, per non offendervi l'olfatto, avrete infatti notato che il viso e le mani di questo signore cominciano a decomporsi"

Segui Photoworld su FacebookTwitter e Google +

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *