Mostra fotografica Roma: L’Aquila prima e dopo

A tre anni dalla tragedia che colpì il capoluogo abruzzese con un violento terremoto il 9 aprile del 2009, ecco una toccante testimonianza realizzata da Gianni Berengo Gardin attraverso un'esposizione fotografica che verrà inaugurata il 26 settembre presso il Museo di Roma in Trastevere che porta il nome "L'Aquila prima e dopo" e che si potrà visitare fino a novembre.

La mostra viene proposta all'interno del festival "Fotoleggendo", organizzato da Officine Fotografiche sotto la direzione artistica di Tiziana Faraoni, promosso dall'Assessorato alle Politiche culturali e Centro Storico e alla Sovrintendenza ai Beni culturali di roma Capitale. A cura di Alessandra Mauro e Suleima Autore.

Gianni Berengo Gardin aveva iniziato a raccogliere già 16 anni fa le immagini di una città piena di cultura, di arte, di vita e di calore della gente; dopo il terremoto, però, l'atmosfera che si respira a L'Aquila è completamente cambiata, così come la struttura urbana e la percezione di gioia della gente, che sembra essersi vanificata come ghiaccio al sole.

Il fotografo ha voluto immortalare con i propri scatti i resti della città come li si possono vedere oggi, confrontandoli con quello che sembra essere un passato che non vuole più tornare. Immagini toccanti e commuoventi che mostrano portici sorretti da impalcature, edifici coperti da teli e piazze ormai deserte. Una fotografia triste e un po' malinconica, che ci fa sperare nell'arrivo di un futuro migliore, sia per gli abitanti della città stessa, sia per noi italiani, che dopo il sisma abbiamo perso una parte del nostro patrimonio storico e culturale.  

Segui Photoworld su FacebookTwitter e Google +

Condividi questo post