Fotocamere: arriva la prima analogica che si monta ad incastro

Il suo nome è Last Camera ed è la prima fotocamera analogica che viene acquistata su scatola di montaggio e che si può costruire da sè a casa con le proprie mani. L'idea non poteva che venire dal Giappone, patria indiscussa di esperimenti e stranezze di questo tipo. 

La macchina fotografica è realizzata interamente in plastica e arriva a casa interamente da montare. E non servono né colla né nastro adesivo, perché i pezzi si incastrano alla perfezione l'uno con l'altro e fissati con piccole viti in plastica: il principio è lo stesso del modellismo.

All'interno della confezione, inoltre, sono disponibili due obiettivi intercambiabili, un grandangolo da 22mm e uno normale da 45mm, che possono essere utilizzati (e incastrati al posto giusto) all'occorrenza.  

Il prezzo di vendita di Last camera è pari a 4.000 yen (circa 40 euro). Non sappiamo ancora se la macchina fotografica verrà lanciata anche negli altri paesi; noi confidiamo comunque che, come dice il claim pubblicitario, sia l'ultima fotocamera a pellicola. Chi volesse maggiori informazioni sul prodotto può consultare il seguente link.

Segui Photoworld su FacebookTwitter e Google +

Condividi questo post